Luigi Grossi, un’anima poetica del nostro tempo

LUIGI GROSSI, anima poetica del nostro tempo.

Francesco Rosselli è stato un grande pittore, nato a Firenze in pieno rinascimento, noto per essere stato un eccellente incisore e forse autore anche di quella celebre “Tavola Strozzi”, conservata al Museo Nazionale di San Martino di Napoli, che in tempi recenti è stata reinterpretata dal Maestro Luigi Grossi.

La profondità del suo pensiero, la sensibilità di un uomo buono e riflessivo e l’istinto creativo di chi ha dedicato la sua vita alla bellezza e all’arte, hanno consentito la nascita di una pittura che lo caratterizza e identifica da diversi decenni nel variegato panorama dell’arte contemporanea. L’intervento sulla sua “tavola Strozzi” ha delineato ulteriormente la qualità del gesto artistico nel quale il Maestro Luigi Grossi ha messo in evidenza, attraverso la stratificazione cromatica e intima della “sua” Napoli, la capacità di esprimere un sentimento tanto profondo quanto autenticamente elevato.

Luigi Grossi, anima poetica del nostro tempo, lo si incontra a Napoli, tra i vicoli dei quartieri spagnoli, noti in tutto il mondo. Qui dentro uno spaccato della città più vera, vive in ogni angolo e in ogni spazio, l’anima artistica di Luigi, ovunque conosciuto e riconosciuto come un vero grande “Maestro”.

Luigi Grossi
Luigi Grossi al lavoro

La visita nel suo atelier appartiene per chiunque ad una delle più belle esperienze sensoriali che si possano fare, il calore e l’umanità dell’artista sono solo la cornice ideale alla carica di benessere e spiritualità che si respira tra le opere ben conservate, frutto di una vita nell’arte e i molti libri che certificano un percorso creativo ben documentato e di altissimo valore, come la mostra a Palazzo Reale e al Pan di Napoli. Di Luigi Grossi hanno scritto i più autorevoli critici e storici dell’arte italiani come la dott.ssa Mimma Sardella che forse, più di chiunque altro, è riuscita a scavare nella profondità dell’anima dell’artista per scoprire e raccontare magistralmente ogni peculiarità espressiva.

Dopo aver esposto nei luoghi più prestigiosi di Napoli e non solo, le opere di Luigi Grossi, dovrebbero senza alcun dubbio invadere le istituzioni museali d’Italia e Europa in virtù di una storia espressiva il cui spessore artistico mostra e dimostra quotidianamente l’ormai raggiunta maturità artistica.

L’artista è una delle migliori espressioni d’arte e bellezza che possiamo esportare nel mondo in rappresentanza di una nazione, la nostra, che può tornare ad essere al centro dell’attenzione artistica, magari partendo proprio da quella Napoli che ha conquistato tutti, da Goethe a Mastroianni, da Hermann Melville, Walter Benjamin fino all’attore francese Gerard Depardieu che dichiarò:” per me l’Italia inizia da Napoli.”

Ritengo, senza ombra di dubbio, che incontrare e conoscere Luigi Grossi, uomo e artista,  sia un vero privilegio.

Alberto Moioli

 

rassegna stampa on line Luigi Grossi

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *